Art. | Imparare a Donare

Come sbloccare il potere di Donarsi (e donare agli altri)

Hai mai osservato come si evolvono le cose e le persone?

La società contemporanea, spesso fortemente materialista, ci ha abituato ad osservare con superficialità il mondo che ci circonda.

La realtà, però, è che le cose cambiano. E cambieranno sempre.

Notare come queste cose si sviluppano può insegnarci molto, perché non si tratta sempre di una questione di soldi.

Molte volte, è l’esempio di pochi a risvegliare gli intenti più virtuosi nelle altre persone.

Già, l’umanità ha spesso bisogno di prove concrete ed esempi, ma è anche la stessa specie in grado di trasformare semplici idee in opere incredibili.

Lo vedi? Non siamo poi così male…

Insomma, la verità è che molto di ciò che accade – che non controlliamo – dipende dalla prospettiva con cui lo si guarda.

Donare (donarsi) agli altri è uno dei gesti migliori che l’umanità ha imparato a produrre.

Tuttavia, nonostante la maggior parte di noi apprezzi questi gesti, ne siamo spesso vittima: o meglio, siamo vittime delle nostre paure.

Ti è mai capitato di sostenere una donazione finendo, subito dopo, per ritrarre la mano Dicendo a te stesso: “sicuramente non sono il solo, passerà qualcun altro“.

Ecco, quello è il suono del denaro; ed è un suono rumoroso.

Vederlo uscire dalle nostre tasche in cambio di nulla ci spaventa.

Ci fa male, quasi. Come se ci esponesse a chissà quali difficoltà. Ma è un male psicologico.

In quei momenti, è facile sviluppare ragionamenti del tipo: “Con la fatica che faccio a guadagnarli mi costa fatica donarli“.

O anche: “Tanto non cambierebbe nulla, e le mie donazioni sarebbero misere. Mi sentirei in colpa solo con me stesso, perché avrei meno soldi“.

Non nascondiamoci, né io né tu, perché non è scontato scendere a patti con se stessi.

Riconoscere i propri limiti, anzi, fa la differenza.

Allora il mio invito è quello di cominciare a fare cose nuove attraverso un percorso graduale. 

Come consiglio sempre, infatti, le cose migliori sono quelle che si evolvono e si sviluppano piano piano; giorno dopo giorno.

Ecco, ora io non voglio farti i conti in tasca (ci mancherebbe…)

Però voglio evidenziare qualcosa che, in realtà, è già parte delle tue finanze.

Come dico sempre, ciò che propongo è di ben considerare – nella propria crescita personale – di accrescere le proprie competenze (soprattutto in ambito di finanza personale).

I temi fiscali legati alla Dichiarazione dei redditi e al monitoraggio dei propri investimenti sono, per me, argomenti fondamentali a cui badare. Ed proprio su questo tema che esiste una voce fuori campo: quella delle donazioni.

Le più comuni? Il 5×1000, l’8×1000 e il 2×1000.

Cosa significano?“, ti starai chiedendo. Si tratta di piccole quote (di 5, 8 o 2 euro, appunto) riservate a Organizzazioni e ONLUS specifiche. 

Devo versarle obbligatoriamente?“, ti domandi ora. Il discorso è un po’ più articolato, ma è molto semplice.

Dalle imposte che paghi già hai la possibilità di stabilire a chi destinare quella porzione di quote.

Non sei obbligato a farlo ma, qualora non rendessi nota la tua decisione, queste quote verranno comunque detratte dalle imposte; e destinate automaticamente allo Stato.

Ora, questo articolo vuole sensibilizzare il lettore nei confronti di un concetto più ampio: donare

E per farlo ho pensato di portarti metodi che ritengo “migliori”, per approcciarsi consapevolmente a questo scenario.

Essere generosi, sia nella vita sia con gli altri, suggerisce un atto di grandissimo appagamento.

Preoccuparsi per la condizione altrui accende in noi un calore simile all’amore, e fa parte di un tratto emotivo di noi esseri umani, che più genuinamente chiamiamo Empatia.

Preoccuparsi di cosa succede nel mondo, e preoccuparsi di come possiamo cambiare le cose (in meglio, si spera), è un modo nobile di approcciarsi alla vita.

Nei miei anni ho spesso cambiato le destinazioni del mio 5×1000 (per farti alcuni esempi, sono passato dalla ONG di Sea Sheperd, al gruppo di City Angels e persino dalla testata giornalistica online Crisis Watch).

Ti dico questo per dimostrarti che “aiutare gli altri” può cominciare da piccoli gesti quotidiani.

Mettere a fuoco chi sono le persone che stai supportando ti permette di avvicinarti alla causa stessa che vuoi difendere, o sostenere.

E non si tratta solo di “spostare soldi e delegare azioni”. 

Donare passa da piccoli aspetti di ogni giorno.

Se hai già letto i miei articoli o i miei libri, saprai che nel percorso di Educazione Finanziaria parlo spesso del concetto di Decluttering: cioè, di quella attività tramite cui evidenziare gli oggetti di uso comune che possediamo, farne una cernita e vendere ciò che è superfluo per ricavarci qualcosa.

Ma a questo, sovviene sempre una condizione: Vendere, Buttare e… Donare.

Sì, può fare la differenza. Quindi, per ogni cosa che farai per te stesso, non prefiggerti mai il solo scopo del guadagno.

Ciò che non vendi o butti, donalo!

Fallo anche senza aspettarti che qualcuno sappia mai che quella donazione provenga da te.

Impara a compiere opere buone, e a goderti i risultati di una buona azione senza che gli altri possano mai sapere che sia giunta da te.

Sii appagato dall’aver aiutato chi aveva bisogno. E riconoscine il valore.

Non occorre stravolgere la tua vita, la tua routine o le tue finanze. 

Le tue azioni passano dalle tue scelte. Punto. 

Abituati ad interrogare te stesso su cosa puoi fare per rendere il mondo, e la società in cui vivi, posti migliori in cui prosperare.

Comincia a farlo dalle piccole cose; attraverso piccoli passi.

Entra nella Community!

iscriviti alla newsletter
per non perderti le novità,
i contenuti gratuiti e tutti
i futuri aggiornamenti

La Newsletter rappresenta un sistema di messaggistica gratuito, basato sulla Registrazione alla Community ed al successivo invio di Informazioni e Contenuti legate alla ai Progetti in corso e quelli in arrivo, alle Novità generali e, soprattutto, all’invio di materiale formativo e Risorse Gratuite. La Newsletter non è invasiva, e verrà inviata settimanalmente (una volta a settimana, normalmente il lunedì o il mercoledì). L’obiettivo è quello di far crescere piano piano una Community aggiornata e consapevole, che sia in grado di interagire e partecipare – a 360 gradi – allo sviluppo di questo Progetto.

Lascia un commento